New York Stock Exchange
NYSE

10.47 USD -1.97%

Borsa Italiana

8.97 EUR -2.99%

Dati aggiornati con un ritardo di 15 minuti. Termini e condizioni

CNH Industrial tra i pionieri della sostenibilità delle risorse idriche globali

​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​Chott El Jerid, un lago salato della Tunisia situato nel sud del paese, copre una superficie di oltre 5.000 km², per una lunghezza di 250 km e una larghezza di 20km. Foto di Elisabetta Lattanzio Illy​

​​​​​​​​Acqua, acqua ovunque?

​L'acqua, diceva Leonardo da Vinci, è il "vetturale della natura" – la forza​ motrice della natura. L'acqua sostiene la vita, la salute, il benessere e l'economia. Eppure, secondo le Nazioni Unite, la scarsità d'acqua colpisce oltre il 40% della popolazione mondiale: una percentuale destinata a crescere. ​Nel World Water Development Report 2015 dell'ONU, il Direttore Generale dell'Unesco ha dichiarato che, ad oggi, ancora circa 748 milioni di persone nel mondo vivono senza avere accesso a fonti incontaminate di acqua potabile, mentre il fabbisogno idrico per la produzione industriale era ed è tuttora destinato ad aumentare del 400% nel periodo tra il 2000 e il 2050.​ 

Come sottolineato dal rapporto dell'ONU, l'acqua è essenziale per promuovere lo sviluppo sostenibile e inclusivo, poiché supporta le comunità umane, mantiene le funzioni degli ecosistemi e garantisce lo sviluppo economico.

La gestione delle risorse idriche rientra sempre di più tra le massime priorità che caratterizzano i programmi e i piani gestionali delle aziende impegnate nel raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (o SDG – Sustainable Development Goals) adottati dalle Nazioni Unite nel 2015 e contenuti nell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

L'obiettivo numero sei, "Acqua pulita e igiene", mira a garantire alle persone di tutto il mondo la disponibilità e la gestione sostenibile dell'acqua e delle strutture igienico-sanitarie. Oggi, la protezione delle risorse idriche mondiali può essere considerata a tutti gli effetti un problema ambientale, a fianco di questioni quali i cambiamenti climatici e la deforestazione. A livello internazionale, le aziende più importanti si stanno rapidamente rendendo conto dell'importanza della gestione e della protezione delle acque. E CNH Industrial è una di queste.

​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​Nel 2017, CNH Industrial è stata inclusa nella prestigiosa “A-list” del CDP​​​
​​A novembre 2017, CNH Industrial è stata inclusa nella prestigiosa "A-list" del CDP, che comprende le 74 società considerate leader globali nella gestione sostenibile delle risorse idriche. L'organizzazione CDP (nota in precedenza come Carbon Disclosure Project) è una ONG che ha creato un sistema internazionale per consentire ad aziende come CNH Industrial di misurare, gestire e comunicare l'impatto ambientale delle proprie attività industriali.​ ​

​Questo sistema globale di divulgazione di informazioni è operativo da 15 anni, copre 90 diversi Paesi e rappresenta la più completa raccolta di dati ambientali autodichiarati al mondo. Ogni anno sempre più aziende aderiscono a questo sistema e la massa di dati finora ottenuti consente a società, investitori e policy-maker di prendere decisioni più consapevoli su attività e problematiche con potenziali impatti rilevanti sull'ambiente.​​

Paul Simpson, CEO di CDP, ha dichiarato che l'obiettivo dell'organizzazione è quello di promuovere un'economia dinamica e capace di produrre effetti positivi a lungo termine per le persone
​​​e per il pianeta: “La nostra missione consiste nel focalizzare
l'attenzione di investitori e aziende sulla necessità di attuare interventi urgenti per costruire un'economia che sia veramente sostenibile, misurando, comprendendo e riducendo l'impatto ambientale. Siamo ad un vero e proprio punto di svolta: sempre più aziende diventano consapevoli di quanto sia importante tutelare le risorse idriche”.

Ma quale contributo sta dando CNH Industrial in questo ambito?

​​​

​​​​​Più responsabilità nell’utilizzo delle risorse idriche a partire dai propri stabilimenti

Le iniziative per promuovere una gestione sostenibile delle risorse idriche e per migliorare l'efficienza del loro consumo partono in primo luogo dagli stabilimenti e dagli uffici di CNH Industrial. L'Azienda, infatti, si sta impegnando per aumentare l'efficienza idrica nei propri processi industriali, per migliorare il ricircolo e il riutilizzo delle risorse e per ridurre il consumo e il volume d'acqua scaricato.

Il costante incremento della popolazione globale e la crescita delle economie fanno sì che la domanda di acqua cresca. Per questo l'azienda, oltre a riconoscere l'importanza della tutela ambientale, ritiene fondamentale considerare una gestione sostenibile delle risorse idriche anche da una prospettiva imprenditoriale. L'obiettivo di CNH Industrial è quello di ridurre i prelievi idrici del 3% per unità di produzione (rispetto ai valori del 2014) in tutti gli stabilimenti.

Questo target è in linea con l'SDG sull’acqua e riguarda non solo i prelievi idrici ma anche i diversi sistemi di gestione degli scarichi, che variano in base alle caratteristiche specifiche dei paesi in cui hanno sede gli stabilimenti.

Nel 2015, CNH Industrial ha introdotto nuove procedure di gestione delle risorse idriche per tutti gli stabilimenti dell’Azienda. Ogni stabilimento è tenuto a sensibilizzare il proprio personale in merito all'utilizzo responsabile dell’acqua, non solo sul lavoro, ma anche a casa. I risultati parlano da soli. Dal 2014 al 2016, gli sforzi complessivi di tutti gli stabilimenti CNH Industrial hanno portato a una riduzione complessiva dei prelievi idrici di oltre 600.000 m3 e una diminuzione degli scarichi su base complessiva di oltre 700.000 m3​. L'indice di recupero e riuso delle acque dell'Azienda è attualmente pari al 27,5% a livello globale.

​​​​​Il f​uturo

L'impegno a favore di una gestione più sostenibile delle risorse idriche ha spinto l'Azienda ad adattarsi e a innovare, risparmiando risorse e denaro e coinvolgendo il personale e le comunità in pratiche di consumo più responsabili. Questo è solo uno dei motivi per cui CNH Industrial è entrata nella "A-list" del CDP, rientrando tra le aziende leader a livello globale per le iniziative a favore della sostenibilità delle risorse idriche.​

Una buona gestione delle risorse idriche non è mai stata così urgente come ora, a causa del progressivo aumento delle temperature e della crescita continua della popolazione mondiale, che rischiano di ridurre pericolosamente le falde acquifere del pianeta. Circa il 40% della produzione alimentare mondiale dipende dall'irrigazione effettuata tramite le acque di falda e, secondo una nuova ricerca dell'University College di Londra, il volume di tali risorse si è ridotto già del 22% negli ultimi 10 anni. 

Come sottolinea Daniela Ropolo, EMEA Sustainability Development Initiatives Manager di CNH Industrial: “L'acqua è uno dei problemi più critici, non solo per la nostra Azienda e non solo per le Nazioni Unite. La sostenibilità delle risorse idriche è cruciale per il futuro dell'intero pianeta”. ​​

​​​​​​​​​​​​Foto di Elisabetta Lattanzio Illy​
​​​